Sta facendo discutere quest’immagine che arriva dalla Romania e che sui social è già diventata un simbolo dell’insensibilità e della crudeltà umana nei confronti degli animali. Siamo a Calopar, piccolo comune di poco meno di quattromila abitanti nel distretto di Dolj: mentre stanno rifacendo le strisce bianche sulla strada, gli operai addetti alle segnaletica orizzontale passano sopra al corpo senza vita di un gatto, probabilmente investito da un’auto in corsa, verniciandolo come se niente fosse.

Un gesto che non è passato affatto inosservato, anzi, ha fatto il giro del web provocando un’ondata di sdegno: “Non è normale. Hanno sbagliato, avrebbero dovuto almeno spostarlo sul lato della strada“, ha commentato indignata un’abitante del posto. E ancora: “Dovevano fermarsi. Controllare come stava. Magari era morto, ma forse poteva essere ancora vivo. Non è normale quello che hanno fatto”, ha aggiunto un altro.

La polemica è tale che gli operai hanno tentato di “giustificarsi” dicendo che non rientra fra i loro compiti spostare un gatto morto. L’azienda incaricata dei lavori però ha preso le distanze: “Era loro dovere controllare se c’era un gatto e come stava – spiega Alin Golumbeanu, direttore della DRDP Craiova – . E’ stata aperta un’indagine. Intanto la segnaletica dovrà essere rifatta”. Infatti ora che la carcassa del povero animale è stata rimossa, è rimasta la sagoma sull’asfalto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

È morto Buddy: il pastore tedesco di 7 anni era risultato positivo al coronavirus assieme al suo padrone

next