La prima donna americana a ricevere un trapianto di faccia quasi totale è morta a 57 anni. Si chiamava Connie Culp e nel 2004 fu vittima del folle gesto del marito Tom che le sparò da poca distanza verso il viso con un fucile lasciandole intatto soltanto la fronte, le palpebre superiori, il labbro inferiore e il mento. Connie decise però di continuare a vivere diventando un caso eccezionale per la scienza medica.

Dal 2008 e in pochi anni la donna è stata sottoposta a dozzine di interventi chirurgici per “riempire” il viso che le era stato letteralmente strappato via dalla fucilata del marito. Connie non poteva più vedere, sorridere, annusare, masticare, bere, mangiare cibi solidi, oltre al fatto di necessitare di un tubo nella trachea per respirare. La sua storia aveva commosso tutti gli Stati Uniti, perché il suo coraggioso e straordinario recupero era finito raccontato in molti programmai televisivi popolari.

A dare notizia della sua morte è stato il dottor Frank Papay, presidente dell’Istituto di Dermatologia e Chirurgia Plastica della Cleveland Clinic, a capo dell’equipe medica che l’ha avuta in cura per oltre 15 anni: “Connie era una donna incredibilmente coraggiosa, vibrante e fonte d’ispirazione per molti. La sua forza era evidente nel fatto che fino ad oggi era stata la paziente con trapianto di faccia più longeva. È stata una grande pioniera e la sua decisione di sottoporsi a una procedura a volte scoraggiante è un dono duraturo per tutta l’umanità”.

All’epoca del tentato omicidio, il marito di Connie, Tom, tentò subito dopo di togliersi la vita sempre con lo stesso fucile sparandosi. Ma l’uomo sopravvisse e dopo essere stato salvato dai medici venne condannato a sette anni di carcere. In diverse occasioni Connie aveva pure mostrato una certa vicinanza all’ex marito, prima perdonandolo poi dicendo che lo amava ancora perché padre dei suoi figli. Infine da Oprah Winfrey dichiarò che aveva cambiato idea perché sarebbe stato un brutto esempio per i figli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tre sorelle uccidono il padre dopo anni di torture e abusi sessuali: rischiano 20 anni di carcere. Il caso che divide l’opinione pubblica

next
Articolo Successivo

È morto Buddy: il pastore tedesco di 7 anni era risultato positivo al coronavirus assieme al suo padrone

next