Rocco Chinnici, magistrato ucciso dalla mafia 37 anni fa, “fu un pioniere , un vero e proprio precursore e molto di ciò che oggi è patrimonio comune nella lotta alla mafia lo dobbiamo a lui“. Così il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede in un videomessaggio ricorda il giudice, lanciando un messaggio anche alle nuove generazioni e sottolineando che il suo messaggio resta, ancora oggi “attualissimo”. Quando fu assassinato “era da 3 anni alla guida dell’ufficio Istruzione di Palermo e le sue intuizioni stavano già facendo molto male alla mafia”, sottolinea Bonafede, descrivendo cosa significasse lottare contro la criminalità organizzata “40 anni fa” contro “un nemico reso invisibile dall’omertà” , e contro una “mentalità che negava l’esistenza stessa della mafia”. All’epoca il contrasto giudiziario a Cosa Nostra “si esauriva in tante piccole inchieste frammentate”, evidenzia ancora il ministro della Giustizia che ricorda il ruolo centrale di Chinnici nella costituzione di un pool antimafia. “Lui capì che per contrastare un fenomeno criminale radicato e complesso sarebbe stato necessario unire le forze in maniera coordinata e condividere le informazioni in maniera unitaria”, dice. Un’intuizione da cui nascerà, appunto, “il pool antimafia”. “Chinnici comprese i legami internazionali della mafia e quelli con la politica. Andò nelle scuole per coltivare la coscienza civile delle giovani generazioni”. Per questo, ad oggi, conclude il ministro, il suo messaggio “resta attualissimo“.

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A Venezia il cinema è sull’acqua: è il primo drive-in italiano in barca. L’inaugurazione al tramonto – Le immagini

next
Articolo Successivo

Raffaele Cutolo torna in ospedale per l’aggravarsi dei suoi problemi respiratori. L’avvocato: “Crediamo che non sia lucido”

next