“Si deve fare memoria parlando di vita non di morte”. Sono le parole del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, pronuncia queste parole in via D’Amelio, 28 anni dopo la strage di mafia che ha ucciso il giudice Paolo Borsellino e la sua scorta. Alla commemorazione c’era anche il ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano: “Ogni anno non ci limitiamo a ricordare quello che è successo, ma rinnoviamo l’impegno alla lotta alla mafia. Ora quel pezzo di verità che manca sulla strage di 28 anni fa va ricercato. I magistrati di Caltanissetta indagano”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Paolo Borsellino, la celebrazione in streaming a 28 anni dalla strage di via D’Amelio: la diretta

next
Articolo Successivo

Coronavirus, l’allarme della Dia: “Le mafie capitalizzeranno alle prossime regionali il consenso guadagnato durante la crisi”

next