Il Milano Monza Open-Air Motor Show si adegua a tempi e modi dell’emergenza sanitaria in atto. E, se possibile, rilancia. Nel confermare lo spostamento in autunno, da giovedì 29 ottobre a domenica 1 novembre, gli organizzatori hanno ribadito il suo carattere di salone “diffuso” e a cielo aperto: il fulcro sarà Piazza del Duomo, intorno alla quale ogni brand metterà in mostra anteprime e vetture rappresentative (una per ogni marchio), ma in realtà la manifestazione si snoderà lungo vie e piazze (ben 40) della città.

Ci saranno pedane illuminate, tutte rigorosamente uguali, piazzate nei vari angoli della città, dove cittadini e appassionati potranno avere i primi contatti con le ultime novità di prodotto, il tutto in sicurezza: le pedane avranno tutte un QR code con le informazioni sul modello fornite dai brand, in modo da evitare code per richieste informative, e ci saranno percorsi con tenditori per separare ingressi e uscite dalle installazioni.

Per i test drive, prenotabili sul sito www.milanomonza.com, verranno invece approntate aree apposite: presso il Castello Sforzesco sarà possibile guidare modelli elettrici e ibridi plug-in, quelli con ricarica alla spina per intenderci, mentre a Corso Sempione saranno disponibili full e mild hybrid, così come le altre motorizzazioni benzina e diesel.

Chi invece è appassionato di performance e velocità pura, potrà recarsi all’autodromo di Monza, dove potrà cimentarsi con giri di pista sul circuito di Formula 1 e l’Anello Alta Velocità.

“La situazione attuale ci ha condotti a un’evoluzione del format della nostra manifestazione che, diventando diffusa su un territorio ampio come quello di Milano, scongiura i rischi di assembramento e regala alla città e a tutto il sistema automotive la possibilità di ripartire, con tutte le accortezze del caso”, ha spiegato il patron della manifestazione Andrea Levy.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Vacanze estive in auto? Molti italiani scelgono l’opzione del noleggio

next
Articolo Successivo

Mitsubishi lascia l’Europa per concentrarsi sui mercati del sud-est asiatico

next