Tutti gli occhi sono puntati sull’Italia. Per questo, nella settimana successiva al sì sul Recovery Fund, il premier Giuseppe Conte vuole accelerare sul piano di riforme da presentare all’Ue per ottenere gli oltre 200 miliardi di euro di prestiti e finanziamenti a fondo perduto. Un piano che sarà scritto dal governo: già martedì si terrà la prima riunione del Ciae, il Comitato interministeriale affari europei. Sono invitati anche tutti i ministri, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro, il sottosegretario agli Affari Ue Laura Agea e i rappresentanti degli enti locali: Antonio Decaro per l’Anci, Michele De Pascale per l’Upi, Marco Bussone per l’Uncem e Stefano Bonaccini per la conferenza delle Regioni.

Il Ciae è la sede scelta dal premier per la gestione dei fondi ottenuti a Bruxelles, affiancata poi da un comitato tecnico che potrebbe essere a sua volta allargato anche a Comuni e Regioni. Una task force fortemente contro cui le opposizioni minacciano barricate in Parlamento. Conte però vuole coinvolgere anche le Camere: la soluzione più rapida individuata dal governo è il varo di due commissioni monocamerali, con un ruolo di indirizzo. È la strada per coinvolgere i parlamentari e anche l’opposizione. Per questo, secondo Repubblica, un candidato a ottenere una delle due presidenze è Renato Brunetta di Forza Italia.

L’Italia è investita di una “grande responsabilità”, sottolinea Fabio Panetta, membro del board della Bce. “Una sfida cruciale – aggiunge – è quella del Mezzogiorno. Fatico a immaginare uno sviluppo equilibrato in un’economia in cui un terzo dei cittadini ha un reddito pro-capite pari alla metà di quello del resto del Paese e intere regioni sono afflitte da disoccupazione diffusa e carenze infrastrutturali”. Panetta, intervistato da Repubblica, spiega che la possibilità di introdurre al Sud una fiscalità di vantaggio è “un progetto ambizioso” e “può essere di importanza fondamentale per rilanciare l’economia meridionale”.

Il primo obiettivo del premier è quello di accelerare per non arrivare a ridosso della scadenza di fine settembre senza un piano pronto da presentare a Bruxelles. In una settimana già fitta di impegni e tensioni, dalla proroga dello stato d’emergenza al nuovo scostamento di bilancio, Conte vuole comunque dare il via ai lavori.

La soluzione più probabile appare quella di istituire due commissioni monocamerali speciali: una strada più veloce rispetto alla bicamerale, per cui servirebbe una legge ad hoc. Forza Italia vuole la presidenza che dovrebbe spettare all’opposizione, ma a premere ci sono anche i renziani di Italia Viva. Intanto una riunione di maggioranza sul rinnovo delle presidenze di Commissione, oggi pomeriggio, si è conclusa con una fumata nera. Da qui la decisione di aggiornala riunione a domani mattina alle 11.

Sullo sfondo, sempre in tema di fondi europei, resta la partita del Mes. Il premier Conte ha ribadito ancora una volta la sua linea: quei 37 miliardi di euro per le spese sanitarie al momento non sono necessari. Mentre il M5s, con Stefano Buffagni, torna ribadire che la priorità è “decidere dove destinare i 25 miliardi di scostamento” e “programmare i 200 miliardi del Recovery Fund”. Negli inviti a utilizzare il Mes, dice il viceministro allo Sviluppo economico in un’intervista a La Stampa, “mi sembra di vedere la strega di Biancaneve con la mela: sembra così accattivante che ti chiedi come sia possibile”. Buffagni ribadisce che “il governo farà tutto il possibile e anche di più per tutelare la salute e il benessere dei cittadini, ma il dibattito sul Mes oggi è sterile“.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

5G, governo contro gli enti locali: oltre 200 sindaci fermano l’installazione delle antenne, ma il dl Semplificazioni vieta le ordinanze

next
Articolo Successivo

Caso camici, Fontana in Consiglio regionale: “Qui per voltare pagina”. Ma cambia di nuovo versione su fornitura e bonifico. Silenzio sul conto in Svizzera e i trust alle Bahamas

next