La questione, ridotta all’osso, è la seguente: se non venisse prorogato lo stato di emergenza Covid19, già dal 1° agosto, diventerebbe più difficile governare in piena efficienza la macchina fin qui gestita da Palazzo Chigi. Per rendere possibile la riapertura delle scuole a settembre, stabilire tempestivamente il regime di quarantena per i migranti. O anche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Cantieri, reddito e bilancio: il peso dei decreti arretrati

prev
Articolo Successivo

Mezza Europa in piena crisi virus

next