Distanziamento fisico impossibile a causa del sovraffollamento, nessuna misura di tracciamento, celle isolate per chi ha i sintomi del coronavirus, nessuna protezione per i detenuti anziani e per quelli con malattie pregresse, divieto di procurarsi e indossare mascherine, medicine e disinfettanti disponibili solo quando viene autorizzata la consegna tramite i familiari. Secondo un rapporto di Human Rights Watch, che fa seguito alle denunce di altre organizzazioni per i diritti umani locali e internazionali, la pandemia da Covid-19 è entrata nelle carceri e nelle stazioni di polizia dell’Egitto.

Il Committee for Justice, citato nel rapporto di Human Rights Watch, parla di 190 sospetti positivi (tra cui una trentina di impiegati e soldati in servizio di vigilanza) in 12 prigioni e 29 stazioni di polizia e di 14 detenuti contagiati in cinque carceri e altrettante stazioni di polizia e poi morti, nella maggior parte dei casi dopo il ricovero in ospedale: due a maggio, 11 a giugno e finora uno a luglio.

Il sistema carcerario egiziano è avvolto dal silenzio. Le visite di familiari e avvocati sono sospese dal 10 marzo, i detenuti che prima svolgevano professioni sanitarie devono occuparsi dei compagni di prigionia ammalati e sono state minacciate azioni legali nei confronti dei giornalisti che parlino o scrivano a proposito della pandemia in modo difforme dalle dichiarazioni ufficiali.

Per contrastare la diffusione della pandemia da Covid-19 nelle carceri, il governo egiziano ha finora disposto il rilascio di 13.000 prigionieri. Troppo pochi, considerando che secondo le Nazioni Unite la popolazione carceraria in tutto il paese è di oltre 114.000 persone.

Salvo pochissime eccezioni, neanche una ventina, i provvedimenti di decongestionamento hanno riguardato solo prigionieri che avevano iniziato a scontare la condanna. Non hanno compreso i detenuti in attesa di giudizio: oppositori, giornalisti, avvocati, attivisti come Patrick Zaky, che ieri a sorpresa ha avuto un’udienza del cui esito si saprà nel corso della giornata, detenuto nel penitenziario di Tora. Che è tra quelli dove il Covid-19 è entrato.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili