Da un lato Repubblica, che in un titolo attribuisce a Paolo Gentiloni la frase “l’Italia prenda il Mes“. Anche se nell’intervista il commissario europeo non lo dice mai e anzi chiarisce che “la decisione ovviamente non si prende a Bruxelles“. Dall’altro Il Sole 24 Ore, che apre la prima pagina con una frase attribuita al ministro Roberto Gualtieri: senza Mes tensioni di cassa. In questo caso non ci sono le virgolette perché si tratta di un retroscena, una ricostruzione del giornale, ma a fine mattinata dal Tesoro arriva comunque la smentita: “Parole mai pronunciate”. Il giorno dopo il voto al Parlamento europeo sul Recovery Fund, riparte il coro dei quotidiani che spingono perché il governo chieda i 36 miliardi che potrebbero essere forniti dalla nuova linea di credito del fondo salva Stati.

La divisione nel governo – Come è noto, i partner di maggioranza su quello strumento la pensano diversamente: il Pd è favorevole e il segretario Nicola Zingaretti, dopo averlo ripetuto a più riprese negli ultimi mesi, lo ha ribadito anche ieri, dopo l’accordo tra i leader europei sul Recovery fund. A favore anche Italia viva e il ministro della Salute Roberto Speranza, di Leu. Il Movimento 5 Stelle invece resta contrario, ritiene che sia inutile e resta diffidente sulle condizionalità, anche se la nuova linea di credito pandemica sulla carta non ne prevede. La spaccatura è riemersa ieri, nel voto su un emendamento sostenuto da Lega-Fdi e M5s che chiedeva di “respingere un utilizzo del Mes finalizzato a stimolare l’economia in seguito alla crisi della Covid-19“. Emendamento bocciato con i voti degli eurodeputati del Pd, Azione, Italia Viva e Forza Italia.

Gentiloni: “Conveniente, ma non decide Bruxelles” – Ora nel dibattito sembra entrare a gamba tesa Gentiloni, che però nel testo dell’intervista si limita a ricordare che le erogazioni del Recovery richiedono prima la ratifica dei Parlamenti nazionali e l’approvazione dei Piani di riforme dei singoli paesi, per cui “inizieranno nella seconda parte del 2021 ad eccezione di un 10% che verrà anticipato con l’approvazione del Piano”. Ma, aggiunge, “il pacchetto è composto da 390 miliardi del Recovery di aiuti a fondo perso, 360 miliardi di prestiti sempre del Recovery e poi dai crediti agevolati del Mes e di Sure, rispettivamente fino a 240 e 100 miliardi. In tutto 700 miliardi di prestiti. Se c’è un Paese in Europa che può trarre vantaggio da questi prestiti è l’Italia e all’interno di questo pacchetto uno strumento è già disponibile, ovvero il Mes”. Poi il commissario agli Affari economici, alla domanda se “consiglierebbe al governo di accedere ai 36 miliardi”, risponde: “Abbiamo eliminato dalle sue linee di credito le vecchie condizionalità macroeconomiche e ora è chiaramente vantaggioso per un Paese con i tassi di interesse come quelli italiani. Ma la decisione ovviamente non si prende a Bruxelles“.

Il Sole: per Gualtieri il Mes indispensabile “per evitare problemi di liquidità”. Poi la smentita – Il Sole invece, in un retroscena, scrive che il ministro dell’Economia ha spiegato mercoledì sera ai capidelegazione di maggioranza – riuniti prima del cdm che ha dato via libera al nuovo scostamento di bilancio da 25 miliardi – che il Mes sarebbe cruciale “per evitare problemi alle casse dello Stato“. La prima reazione arriva dalla Lega, con Matteo Salvini che parla di “un pessimo segnale per i mercati e un’assurdità dopo i successi delle ultime aste dei Btp. Anziché gli italiani, il Pd tutela gli interessi della Troika“. Più tardi la vice di Gualtieri, Laura Castelli, dice di non voler “commentare indiscrezioni” ma precisa che “i conti dell’Italia sono in ordine” e “alzare continuamente l’asticella non serve a far lavorare bene il Paese”. A fine mattinata ecco la smentita del Tesoro: “In merito ad un retroscena del Sole 24 ore ed alle strumentalizzazioni politiche che ne sono conseguite si precisa che il ministro Gualtieri non ha mai pronunciato le parole attribuitegli dal titolo del quotidiano e che ovviamente per il bilancio dello Stato non esiste alcun problema di cassa”.

Crimi: “Parlare ora del Mes è fuori tempo” – Intanto dall’Italia Vito Crimi, capo politico del M5S, a Radio anch’io su Rai Radio 1 ha ribadito che secondo lui “parlare ora è del Mes è fuori tempo, i soldi per la sanità ci sono, abbiamo messo in campo 85 miliardi dopo lo scostamento, usiamo quelli”. “Sul Mes – aggiunge – sarebbe un dibattito asincrono“. Per Crimi “la preoccupazione deve essere quella di come mettere a terra gli stanziamenti e gli investimenti già in campo“. “Questo dibattito sul Mes inizia ad essere farsesco, oltre che iniziare a stancare i cittadini italiani”, scrivono poi in una nota congiunta i deputati e le deputate del Movimento 5 Stelle in commissione Politiche Ue. “La priorità, adesso, è decidere come investire al meglio le risorse provenienti dal Recovery Fund e, nel frattempo, capire i criteri per spendere le ingenti somme già stanziate con l’ulteriore scostamento di bilancio. Per questo consigliamo alle altre forze maggioranza che farebbero meglio a lasciar perdere con i tormentoni che non servono al Paese. Inoltre, ribadiamo che i conti dell’Italia sono in ordine: gli ultimi dati di cassa disponibili ci parlano di oltre 60 miliardi disponibili per maggio e di emissioni per oltre 54 miliardi per giugno. Il problema non è reperire nuove risorse ma come investire quelle che già abbiamo”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, Azzolina e la prova tv sui nuovi banchi a ‘In Onda’: “Polemiche stucchevoli. Salvini? Diffonde fake news. Sì a un confronto con lui”

next
Articolo Successivo

Doppia preferenza di genere, Conte diffida la Puglia: “Si adegui entro il 28 luglio per la parità di accesso alle cariche elettive”

next