La prima battaglia legale è stata persa. Il 12 luglio un tribunale di Tel Aviv ha respinto il ricorso di Amnesty International e altri contro il ministero della Difesa israeliano in relazione alle autorizzazioni all’esportazione del famigerato spyware “Pegasus” prodotto dall’azienda NSO Group.

Come ricorderanno le lettrici e i lettori di questo blog, “Pegasus” è stato utilizzato da vari governi (tra i quali quelli di Marocco, Arabia Saudita, Messico ed Emirati arabi uniti) per spiare giornalisti, attivisti per i diritti umani e dissidenti.

La novità emersa negli ultimi giorni è l’arrivo di “Pegasus” in Europa. Secondo un’inchiesta realizzata da El Pais e dal Guardian, l’anno scorso il presidente del parlamento regionale della Catalogna, Roger Torrent, è stato spiato da “Pegasus”.

Ricordiamo che il 2019 è stato l’anno del “processo catalano”, in cui Torrent ha testimoniato, terminato con la condanna di nove leader indipendentisti a pene tra i nove e i 13 anni di carcere. Sempre El Pais ha scoperto che è stato spiato anche Ernest Maragall, deputato del parlamento catalano.

Il governo spagnolo sarebbe diventato cliente di Nso Group, dunque? Chi ha negoziato e autorizzato l’acquisto di “Pegasus”? Sarebbe bene che un’inchiesta indipendente e approfondita lo accertasse.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Iran, “giustiziata spia vicina a Cia e Mossad accusata di aver fatto trapelare informazioni sul generale dei Quds Qassem Soleimani”

next
Articolo Successivo

Coronavirus – Francia, “tra i 400 e i 500 focolai”. A Cuba primo giorno senza contagi, India teme 2 milioni di infetti entro agosto

next