Il “Wall of Dolls” di Milano è stato bruciato. L’installazione artistica che dal 2014 campeggia nella centralissima via De Amicis (vicino alle Colonne) e che è stata realizzata per sensibilizzare contro la violenza sulle donne è stata distrutta. A denunciarlo sono state le co-fondatrici della onlus “Il muro delle bambole” Jo Squillo, Giusy Versace e Francesca Carollo. “Confidiamo non si tratti di un evento doloso”, hanno dichiarato, “ma se così non fosse i responsabili facciano un passo avanti, chiedano scusa e si adoperino per riparare il danno. Il muro è un patrimonio di tutta la cittadinanza e il restauro avverrà in tempi rapidi perché questo luogo possa continuare a rappresentare un simbolo della lotta alla violenza sulle donne”.

Tra le prime a intervenire anche la segretaria metropolitana del Pd milanese Silvia Roggiani: “In questi anni”, ha rivelato, “tante volte le bambole sul muro che grida ‘no’ alla violenza sulle donne sono state rovinate, strappate e rubate. Se dovesse essere accertata la natura dolosa dell’incendio sarebbe davvero grave e triste”. E ha concluso: “È come se, con quel gesto ignobile, quelle donne fossero state uccise una seconda volta, è un’offesa a tutta la città, che considera quell’opera il simbolo del contrasto alla violenza di genere”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pizzaut, la pizzeria gestita da ragazzi autistici bloccata dal Covid rinasce come food truck: “Il lavoro dà loro il coraggio di tornare a uscire”

next
Articolo Successivo

Eddi Marcucci, l’Italia la ritiene ‘socialmente pericolosa’ dopo aver combattuto l’Isis. Che vergogna

next