Fermarlo tocca a noi”. Lo dicono gli oltre 500 attivisti No Tav arrivati da tutta Italia in Val di Susa per ribadire il loro no alla grande opera. Hanno marciato per i sentieri nei boschi per provare a raggiungere il cantiere. Arrivati al jersey piazzato dalle forze dell’ordine, il corteo ha provato a buttarlo giù con funi e flessibili ricevendo come risposta un fitto lancio di lacrimogeni. Ne è nata una battaglia a distanza con petardi e fuochi d’artificio lanciati dai manifestanti che per oltre due ore hanno provato ad avanzare. A poche centinaia di metri di distanza, dal lato dei Mulini, i giovani che da settimane presidiano l’area hanno eseguito una “battitura” delle reti del cantiere e sono stati respinti con l’idrante. Durante il corteo gli attivisti hanno portato dei cartelloni con la faccia del premier Conte accusandolo di essere un “Ni Tav”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bolzano, positivo al virus andava alle feste e agli aperitivi: 24enne denunciato insieme ai genitori. Quaranta persone in isolamento

next
Articolo Successivo

Tromba d’aria nel Catanese: scoperchiato il tetto di una casa di riposo, strade allagate

next