La protesta No Tav è tornata a farsi sentire in Val Susa con una “battitura” ai cancelli del cantiere della Torino-Lione a poche ore dall’inizio della tre giorni organizzata dal Comitato di Lotta Popolare di Bussoleno. Al termine dell’assemblea convocata a Giaglione che ha aperto il weekend, circa 150 manifestanti hanno improvvisato un corteo lungo i sentieri della Val Clarea: al cantiere, come si vede dalle immagini, è stato tagliato parte del fino spinato. Poi è iniziato il lancio di pietre contro le forze dell’ordine, che hanno risposto coi lacrimogeni. La situazione è tornata alla calma dopo pochi minuti e nessuno è rimasto ferito. Ventidue persone sono state identificate e denunciate dalla questura di Torino. Nel pomeriggio è in programma una nuova “passeggiata No Tav”, con partenza dalle 14 sempre da Giaglione. Su notav.info, sito internet di riferimento del movimento che si oppone alla realizzazione della nuova linea ferroviaria ad alta velocità, il programma della tre giorni con proiezione di documentari, approfondimenti e momenti musicali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fase 3: dalla paura di uscire alla sfida del virus

next
Articolo Successivo

Coronavirus, i dati – 249 casi e 14 vittime nelle ultime 24 ore. Roma, il mercato dell’Esquilino chiuso: non rispettava le norme anti-Covid

next