“Dedico le onorificenze a tutti i morti, alla memoria di tutti i morti, che sono tanti tanti. Cominciando dal fascismo e dal nazismo e un po’ anche la dittatura comunista. Ho avuto da fare con tutte e tre io”, così lo scrittore e insegnante Boris Pahor, che in agosto compirà 107 anni, ha ringraziato i presidenti della Repubblica italiana Sergio Mattarella e della Repubblica slovena, Borut Pahor, dai quali ha ricevuto rispettivamente il riconoscimento di Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine al merito della Repubblica italiana e quello sloveno dell’Ordine per meriti eccezionali. Pahor il 13 luglio 1920 assistette, all’età di sette anni, all’incendio del Narodni dom,l a casa del popolo, sede centrale delle organizzazioni della comunità slovena di Trieste. Oggi è unico testimone vivente di quanto accaduto. Pahor è il simbolo vivente del travagliato rapporto fra i due popoli: ha subito la persecuzione fascista, la deportazione nei campi di concentramento nazisti e la messa al bando dalla Jugoslavia di Tito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bersani su La7: “Cosa direbbe Berlinguer a Salvini, sedicente erede dei suoi valori? Farebbe uno dei suoi sorrisi per dire: ‘Chiamate il 118′”

next
Articolo Successivo

“Femminista, ambientalista, radicale ed europeista”, nel Lazio è nato il laboratorio politico della consigliera dem Di Biase

next