Un gesto storico e un momento particolarmente toccante oggi a Trieste, nel corso dell’omaggio alle vittime delle foibe. I due presidenti, Sergio Mattarella e l’omologo sloveno Borut Pahor, si sono dati la mano dopo essersi avvicinati alla corona di fiori che due corazzieri avevano deposto pochi istanti prima alla foiba di Basovizza. Mattarella e Pahor hanno poi toccato ciascuno la corona e sono rimasti davanti all’ingresso della foiba in silenzio per un minuto circa. Al termine, prima di risalire in auto i capi di Stato si sono fermati a parlare per qualche istante. L’evento è di grande valore: Pahor è il primo presidente di uno dei Paesi nati dalla disgregazione della ex Jugoslavia a commemorare le vittime italiane delle foibe.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Autostrade, Di Battista: “Conte sulla revoca? Mai lette parole così nette da parte di un premier a sostegno dell’interesse generale”

next