“Il Mose è un bidone. Oggi non c’è niente da festeggiare”. È questo il grido di allarme lanciato dai Comitati No Mose e No Grandi Navi che questa mattina hanno contestato la prova generale delle paratoie alla presenza del governo. Una ventina di barchini hanno provato a raggiungere la zona dell’inaugurazione, ma sono stati bloccati dalle imbarcazioni delle forze dell’ordine nell’area del Bacàn, poco prima delle Bocche di Porto Nord. Le vedette e le moto d’acqua della polizia lanciate a grande velocità hanno sbarrato la strada ai manifestanti che dopo un’ora e mezza di “battaglia navale” sono tornati indietro. “Questo governo – concludono i militanti – come tutti gli altri non cambia marcia rispetto alle grandi opere”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mose, le paratoie si sollevano per la prova generale: la laguna divisa dal mare aperto

next
Articolo Successivo

Mose, concluso senza intoppi il test delle 78 paratoie. Gli esperti delle maree: “Funziona”. Conte: “Completarlo entro l’autunno-inverno”

next