Tre cluster familiari in meno di 2 settimane. In totale 18 nuovi contagi da coronavirus, cioè il 40% dei nuovi casi registrati nella Regione. È la nuova allerta in Toscana che preoccupa il presidente Enrico Rossi. Tanto che il governatore è corso ai ripari emanando una nuova ordinanza, intitolata “Ulteriori misure di contenimento del contagio in ambito familiare e abitativo”. I tre nuovi piccoli focolai, dei quali due in provincia di Arezzo, uno a Cortona di 5 persone, uno a Pian di Scò di 4 persone, e uno in provincia di Firenze, a Impruneta, di 9 persone, sono scoppiati in famiglie di persone provenienti da Paesi extra Schengen che hanno quindi l’obbligo della quarantena, e nella maggior parte dei casi sono contagi dovuti al sovraffollamento familiare. Per questo la gestione dell’isolamento è determinante.

E proprio a questo, e cioè alla corretta gestione dei casi, punta l’ordinanza emanata da Rossi che ha dato mandato ai sindaci di adottare ulteriori provvedimenti per trasferire i positivi negli alberghi sanitari. Fino ad oggi il trasferimento era possibile solo su base volontaria. Di fatto, quindi, il primo cittadino può ricorrere a ordinanze “contigibili e urgenti a tutela della salute pubblica in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica, In caso di inosservanza le sanzioni vanno da 500 a 5000 euro.

Prevista anche l’attivazione di controlli a tappeto tra i contatti delle persone colpite, isolando e allontanando da casa tutti coloro che risulteranno positivi. All’interno delle comunità, inoltre, l’ordinanza della Regione prevede anche un aumento dei test molecolari e sierologici. “Si tratta di persone – si spiega in una nota della Regione – per cui, anche a causa delle difficoltà linguistiche, è difficile essere informate sull’andamento epidemiologico generale. Si invitano quindi i Comuni ad attivare iniziative di comunicazione, nelle lingue parlate dalle principali comunità presenti in Toscana, con le principali precauzioni da prendere per evitare il contagio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus – Aumentano ancora i nuovi contagi, 235 in 24 ore: solo 5 regioni a zero. Ma cala il numero dei tamponi effettuati. Il virologo Pregliasco: “Spegnere subito i focolai, occhio a positivi importati”

next
Articolo Successivo

Ocean Viking, da domenica tamponi a bordo per i 180 migranti: lunedì il trasferimento sulla nave-quarantena

next