Altro record per Gianluigi Buffon è il calciatore con più presenze in serie A. Il portiere della Juventus, infatti, è stato scelto da Maurizio Sarri per scendere in campo dal primo minuto per il derby col Torino, valido per la trentesima giornata del campionato. In questo modo ha raggiunto quota 648 presenze in Serie A, record assoluto. Per l’occasione la Juventus è scesa in campo con una divisa speciale: sulla manica di ogni calciatore era cucita la scritta “648Buffon”. Da più di dieci anni il primato era in mano a Paolo Maldini, che si è ritirato 41enne con 647 gettoni, giocati tutti con la stessa maglia del Milan.

Buffon, invece, ha giocato le sue prime 167 partite col Parma prima di passare alla Juve per la cifra record di 105 miliardi di lire nel 2001. In bianconero 18 stagioni e 516 partite, ma 37 le ha giocate in B nella “storica” stagione 2006/2007. Diciassette invece le apparizioni in Ligue 1 con la maglia del Psg nella parentesi del 2018/19, prima del ritorno a Torino. Un ritorno che durerà ancora 12 mesi: l’estremo difensore, che a gennaio ha compiuto 42 anni, ha firmato qualche giorno fa il rinnovo con la Juventus fino al 2021. “Siamo molto felici per Gigi, io poi sono personalmente anche un pò di parte perché lo reputo anche un grande amico”, ha detto il direttore sportivo della Juventus Fabio Paratici ai microfoni di Sky Sport nel pre partita. “E’ una persona da cui ho imparato molto professionalmente e umanamente, perciò sono doppiamente felice – ha aggiunto – La crescita delle ultime gare legata a una migliore condizione? Questo è un calcio un pò differente, eravamo in un periodo di precampionato in cui si giocavano dei titoli… Col Milan abbiamo fatto 30 minuti eccellenti, col Napoli un’ottima gara”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italia ’90, 30 anni dopo – Bruno Pizzul al Fatto.it: “Dura raccontare la fine delle ‘Notti Magiche’. Porte chiuse? Come recitare in teatro vuoto”

next
Articolo Successivo

Juventus-Torino, nel giorno del derby la protesta granata davanti allo stadio: “Cairo vattene. Stufi di essere presi in giro”

next