Non trattiene la rabbia Enzo Salvi e in un lungo post pubblicato su Instagram si sfoga, aggiornando sugli ultimi sviluppi della vicenda che lo ha visto protagonista lunedì 29 giugno a Ostia, quando il suo pappagallo Fly è stato preso a sassate da uno sconosciuto che poi si è avventato anche su di lui e un suo amico. L’attore se l’è cavata con qualche lieve contusione ma il suo volatile invece ha riportato un grave trauma cranico ed è stato ridotto in fin di vita. All’indomani dell’aggressione i carabinieri hanno identificato il responsabile, un 25enne originario del Mali, che si è difeso dicendo di essersi spaventato sentendo il pappagallo parlare e, denunciato, è già tornato in libertà, cosa che ha scatenato il disappunto di Salvi.

Non riesco a dimenticare quel SOGGETTO che lo prendeva a sassate…..e che adesso gira libero….mentre Fly lotta per vivere – scrive nel post su Instagram -. Purtroppo il reato per il maltrattamento di animali ha pene ridicole: qualche mese di carcere che non sarà mai scontata o di una multa che non sarà mai pagata. In uno stato civile non può un tale soggetto essere lasciato a piede libero e magari continuare a maltrattare altri animali o persone. Mentre il mio Fly sta soffrendo, lui va girovagando senza aver visto per un solo minuto il carcere. Servono pene più aspre e un maggiore controllo del territorio”, ha concluso.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Paolo Bonolis parla di Laura Freddi che parla di Sonia Bruganelli

next
Articolo Successivo

Vittorio Sgarbi: “Benigni come Montanelli. Trattò la Carrà come un oggetto: esorto ad abbattere la sua statua”

next