La puntata trasmessa lo scorso 4 marzo potrebbe essere l’ultima di CR4-La Repubblica delle Donne, il varietà di Rete 4 con Piero Chiambretti. Il programma, secondo Blogo, non dovrebbe tornare in onda nella prossima stagione per ragioni di budget e la crisi a Cologno Monzese si fa sentire. La trasmissione nelle due edizioni realizzate ha ottenuto una media del 4,45% con 881.000 telespettatori nella stagione 2018/2019 e 840 mila spettatori con il 4,22% nella stagione 2019-2020.

La cancellazione de La Repubblica delle Donne non porterebbe all’uscita di Chiambretti da Mediaset, l’azienda avrebbe proposto al conduttore piemontese due nuovi progetti. Il primo, di fatto, uno spin off di CR4 partendo proprio da uno spazio presente in questo titolo: La repubblica delle bambine. Uno spazio allargato e reso un programma a parte con il trasferimento in prime time su Canale 5 per una serie di appuntamenti. Il mondo visto con gli occhi dei più piccoli, i loro stimoli, le loro domande. Idea che sulla carta sembra richiamare molto Chi ha incastrato Peter Pan?, titolo portato al successo da Paolo Bonolis.

Un modo per portare al centro lo sguardo ingenuo dei bambini con Pierino la peste, così era soprannominato, reduce da un periodo difficile, proprio per il Coronavirus ha perso sua madre Felicita a cui era legatissimo. Potrebbero aprirsi per Chiambretti anche le porte di un programma sportivo, lui tifosissimo del Torino, uno spazio da trasmettere in seconda serata. Mediaset ha ufficializzato nelle scorse settimane la non riconferma di Pierluigi Pardo alla conduzione di Tiki Taka ed è alla ricerca di un sostituto. Progetti che però vedrebbero la luce solo a inizio anno, a gennaio 2021, per il prime time in autunno Canale 5 avrebbe già collocato le proprie pedine in palinsesto: Tu si que vales, Temptation Island, Grande Fratello Vip, Chi vuol essere milionario?, Made in Italy per citarne alcuni. Insomma Mediaset cancella CR4 ma ricolloca e forse promuove Chiambretti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antonella Clerici, la verità sul suo ritorno in Rai dalla prossima stagione

next
Articolo Successivo

Stasera Italia, Gianfranco Vissani contro Gennaro Migliore: “Basta stupidaggini, non capite niente. È una vergogna”

next