“Nel Mezzogiorno dobbiamo parlare di Rete e di assunzione dei giovani nella pubblica amministrazione. Basta parlare del ponte sullo Stretto, perché prima che si realizzi passerà troppo tempo e noi non ci saremo più, ma la Rete con il 5G verrà attivata nei prossimi due anni, e l’essere connessi o meno farà la differenza. In tre mesi potremo fare i collegamenti internet, e questo creerà competizione per le imprese del Sud con quelle del Nord. Ci sono ragazzi iper-qualificati che potrebbero essere assunti nella pubblica amministrazione”. A dirlo è il vice segretario del Pd, Andrea Orlando, intervenendo in videoconferenza alla Festa democratica provinciale di Vibo Valentia. Il primo a riesumare il tema del ponte sullo stretto di Messina era stato, meno di un mese fa, Matteo Renzi. Da lì, tutta la politica si è spesa a commentare l’ipotetica ripresa del progetto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vitalizi, gli ex parlamentari contro il ricorso per lo stop ai tagli: “Non decide l’ufficio di presidenza del Senato”. Di Maio: “Diano il buon esempio, sono solo attaccati ai soldi”

next
Articolo Successivo

Regionali Puglia, il centrodestra dà il via alla campagna elettorale tra battute e distinguo. E in 48 ore di tour Salvini non vede mai Fitto

next