L’impatto del Covid si fa sentire pesantemente anche sui conti pubblici. Stando agli ultimi dati Istat, nel primo trimestre di quest’anno il rapporto tra deficit e Pil è balzato al 10,8%, il livello più alto dal primo trimestre 2010. L’incidenza dell’indebitamento sul Prodotto interno lordo “è sensibilmente aumentata” per “la riduzione delle entrate e l’aumento delle uscite“, che includono “le spese straordinarie per cassa integrazione guadagni e varie tipologie di indennità relative al mese di marzo”, finalizzate ad affrontare l’emergenza.

Intanto la pressione fiscale nel primo trimestre è stata pari al 37,1%, in crescita di 0,5 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente: un valore mai registrato prima. Pesa ovviamente il crollo del pil, visto che la pressione è calcolata come rapporto tra la somma di imposte dirette, indirette, in conto capitale e
contributi sociali e il Prodotto interno lordo. Il reddito disponibile delle famiglie consumatrici è diminuito dell’1,6% rispetto al trimestre precedente, mentre la spesa per consumi finali si è ridotta del 6,4%. La propensione al risparmio delle famiglie consumatrici è stimata al 12,5%, in aumento di 4,6 punti percentuali rispetto al quarto trimestre 2019. Il potere d’acquisto delle famiglie è diminuito rispetto al trimestre precedente dell’1,7%, a fronte di una sostanziale stabilità dei prezzi.

La quota di profitto delle società non finanziarie, pari al 42,3%, è al contrario aumentata di 0,4 punti percentuali rispetto al quarto trimestre del 2019. Il tasso di investimento, pari al 20,9%, è diminuito di 0,4 punti.

La stima sulla fiducia dei consumatori e delle imprese a giugno indica per fortuna l’avvio di una fase di ripresa: quella dei consumatori è cresciuta rispetto a maggio passando da 94,3 punti a 100,6 mentre per le imprese l’indice passa dai 52,7 punti di maggio a 65. Tutte le componenti del clima di fiducia dei consumatori sono in crescita, seppur con intensità diverse. L’aumento è marcato per il clima economico (da 72,9 a 87,2) e per il clima futuro (l’indice passa da 93,1 a 105,6) mentre il clima personale e quello corrente registrano incrementi più contenuti (da 100,9 a 104,5 e da 95,0 a 96,4, rispettivamente). Per le imprese le stime evidenziano un aumento della fiducia diffuso a tutti i settori anche se i livelli rimangono depressi. In particolare, nell’industria l’indice di fiducia del settore manifatturiero sale da 71,5 a 79,8 e nelle costruzioni aumenta da 108,4 a 124. Per il comparto dei servizi, si evidenzia una risalita dell’indice sia nei servizi di mercato (da 38,9 a 51,7) sia nel commercio al dettaglio (l’indice passa da 68,0 a 79,1).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dl Rilancio, negli emendamenti dei relatori non c’è il bonus caregiver. Il governo fa marcia indietro sui poteri speciali a Gualtieri

next
Articolo Successivo

Bonus baby sitter, Inps: “Anche per nonni e zii, purché non siano conviventi”. Ecco come richiederlo

next