Come e più di un uragano, il Coronavirus si abbatte sulla Maratona di New York che rinuncia all’edizione 2020. Era prevista per il 1° novembre e sarebbe stata la 50esima edizione dell’evento per eccellenza per i runner di tutto il mondo. Non si farà, ha deciso il Road Runners Club – il comitato organizzatore che adesso dovrà districarsi tra rimborsi e partecipazioni da spostare alle successive edizioni.

Problema non semplice visto che la Nycm, il sogno di ogni podista, è sempre sold out. Quest’anno, ad esempio, si sarebbero presentati al via in 55mila (altri 100mila erano rimasti senza pettorale) e fra questi ben 5000 italiani. Rischio alto e c’è l’incognita di una seconda ondata autunnale di contagi, già tantissimi negli Stati Uniti.

Scelta saggia a mio parere, che segue quelle di altre grandi maratone: Berlino, Parigi, Chicago, anche Roma e Milano. Ancora in calendario e, appunto, solo sulla carta restano da disputare quelle di Londra, Amsterdam, Atene e Venezia ma ci stanno pensando. Occasioni ridotte dunque per gli amanti del viaggio sportivo, per gli amatori, gli agonisti e ovviamente i campioni.
Questi ultimi ovviamente soffriranno maledettamente ogni corsa che verrà a mancare. Pianificare una stagione per un maratoneta è un equilibrismo, talvolta si punta a una corsa sola e, se si vuole puntare al massimo, solitamente si sceglie New York.

Il resto è sorte, puoi allenarti al massimo e non vincere per mille motivi: un avversario più forte, una giornata storta, sfortuna. Con l’annullamento perdiamo tutti contro un avversario dell’umanità, ma forse, mi ripeto, è la scelta più giusta e seria.

Ho paragonato il Covid-19 ad un uragano perché dal 1970 ad oggi solo un anno è andato perso, era il 2012 e Sandy, l’uragano appunto, costrinse l’allora sindaco Bloomberg a fermare tutto ad un giorno dallo start. Situazione molto diversa, nei tempi, nei modi e nel tipo di devastazione che il virus sta portando al mondo intero. Ciò che rende uguale il campione che avrebbe voluto vincerla e il podista che si sarebbe cimentato per la prima volta sui mitici 42.195 è l’incertezza. Incertezza che non appartiene solo alla corsa o agli Stati Uniti, è mondiale.

Oltre al risultato sportivo e al business perderemo le storie che ogni anno arricchiscono la maratona di New York. Spesso storie di rinascita personale, sfide impossibili o semplice gioia di chi, dopo tanti chilometri sudati per le strade di casa sogna l’America di cui la Nycm è ormai un simbolo. La maratona di New York è negli occhi di tutti, un serpentone colorato di gente che dopo lo sparo vive un’esperienza unica, inondando di gente il ponte di Verrazzano, Brooklyn, il Queens, Manhattan e poi Harlem, la Fifth Avenue e finalmente il Central Park.

Uno spot turistico immenso per la Grande Mela che quest’anno non andrà in onda, in un’America colpita e tormentata, non solo per il virus. La tentazione di farla sarebbe stata grande, far diventare un simbolo il simbolo. L’anno prossimo, come ormai siamo soliti dire, ci rifaremo e sapete cosa vi dico? Scrivendo mi è venuta quasi voglia di parteciparci, e c’è oltre un anno di tempo per organizzarsi.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Calcio, per me il tifo assurdo si deve a tutti quei muscoli in campo: nella vita ci vuole culo

next
Articolo Successivo

Sport di contatto amatoriale, Spadafora: “Dato il mio ok”. Ma il parere del comitato tecnico boccia la ripresa del ‘calcetto fra amici’

next