Nella città di Lopbur, in Thailandia, ai macachi si è fatta l’abitudine: vederli girare per le strade è normale e così anche vederli fare foto insieme ai turisti e ricevere cibo da questi ultimi. Ora però, a causa dell’emergenza coronavirus, i turisti sono scomparsi e i macachi non trovano più cibo. Così hanno cominciato a invadere tutta la città e a diventare aggressivi, al punto che gli abitanti hanno paura a uscire di casa. Si scatenano vere e proprie risse tra macachi, molto violente. Questo perché per molto tempo queste scimmie sono state “nutrite” dai turisti con cibi zuccherati e bevande gassate che avrebbero reso intensa la loro vita sessuale: così stando agli abitanti di Lopbur intervistati da France Press. La città si prepara a intervenire con un massiccio intervento di sterilizzazione e poi al trasferimento dei macachi in una zona protetta a Bangkok.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cucciolo di orso lo insegue e vuole il suo gelato: ecco come va a finire

next
Articolo Successivo

Le impressionanti immagini della Stella Banner che si inabissa nell’oceano: la nave affonda in meno di un minuto

next