In tutto, dall’11 giugno, sono 205 i contagi da coronavirus accertati a Pechino, dove è scattata l’allerta a seguito di una nuova ondata di infezioni. E anche adesso nella capitale non si può abbassare la guardia, secondo Zeng Guang, esperto del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc). Anzi, dice, è il “momento di scoprire tutti i tipi di problemi possibili”, anche perché non è ancora chiaro quante siano le persone contagiate e “l’epidemia si sta diffondendo da Pechino ad altre province, come Hebei“.

Meglio quindi “tenere le persone in allerta” per scoraggiare il diffondersi dell’epidemia e pur garantendo che la situazione “è sotto controllo – ha aggiunto l’epidemiologo in dichiarazioni pubblicate stamani dal South China Morning Post – ci sono molti problemi cruciali da risolvere, come evitare la ricomparsa dell’epidemia, il rinnovo del mercato di Xinfadi (dove è emerso il nuovo focolaio) e di altri mercati in condizioni simili“. Ieri dalle pagine del Global Times lo stesso Zeng ha sottolineato come “ci siano state due ondate in sei mesi, quindi è altamente probabile che nel prossimo futuro ce ne sarà una nuova”. “Non dobbiamo abbassare la guardia – ha concluso – né essere troppo ottimisti“.

Stamani le autorità sanitarie di Pechino hanno confermato 22 nuovi casi di trasmissione locale nella capitale, arrivando così in totale a 205. Lo stesso giornale ha riferito di 17 infezioni diagnosticate in cinque province e relativi alla nuova ondata a Pechino (11 a Hebei, 3 a Liaoning e uno a Henan, Sichuan e Zhejiang).

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, Trump prova a ripartire dal comizio di Tulsa. Dal crollo alle elezioni di midterm alle proteste per Floyd: la lunga crisi del presidente

next
Articolo Successivo

Malala si laurea ad Oxford: il miracolo che rivela davvero cos’è la resistenza

next