Il primo a sedere sul trono di Uomini e Donne fu Roberto Mantoni, un single di mezza età con un brillocco in vista da regalare alla sua scelta. Tra le corteggiatrici figurava Tina Cipollari, era il 2001 e la trasmissione di Maria De Filippi cinque anni dopo il debutto, il 16 settembre 1996, puntò sul dating show. Il resto è storia, i tronisti, le corteggiatrici, le esterne, le uscite dallo studio, le scelte, i petali rossi e così via. Quasi vent’anni dopo si cambia perché la nuova edizione in arrivo a metà settembre su Canale 5, dal lunedì al venerdì alle 14.45, si presenterà al pubblico con una grande novità.
IlFattoQuotidiano.it può anticipare che non ci sarà più una distinzione tra il trono over, in onda in genere dal lunedì al mercoledì, e quello classico, su Canale 5 il giovedì e il venerdì. I due spazi saranno uniti, non si vedranno più in studio fisicamente i troni. Idea nata e favorita dall’edizione “Tinder”, se così si può definire, trasmessa durante la quarantena, puntate che non hanno certamente brillato dal punto di vista auditel ma hanno messo il turbo alla vecchia formula con l’arrivo di Nicola, giovane corteggiatore di Gemma che in chat si faceva chiamare Sirius. Ma anche con il corteggiatore mascherato per la tronista Giovanna soprannominato l’Alchimista e soprattuto al ritorno in studio per ragioni di sicurezza ha favorito l’unione del trono over con il trono classico.
E il mix ha funzionato garantendo ottimi ascolti e facendo volare anche la parte più debole, quella con i giovani, oltre il 23% di share con la scelta di Giovanna. Insomma giovani e anziani insieme, meno “business”, più genuinità: questo l’obiettivo per la prossima edizione. Così il trono classico, ripetiamo, non sarà cancellato ma si unirà a quello over. Pur sempre una piccola rivoluzione per i numerosi fan della trasmissione prodotta da Fascino. E come accade spesso per la tv della De Filippi l’idea arriva per caso, questa volta con l’emergenza per il Coronavirus. Il trono con dame e cavalieri era arrivato, a sorpresa, nel 2010 dopo l’ospitata della nonnina Rosetta a C’è posta per te. E oggi le dinamiche di Gemma & Co appassionano ogni giorno più di tre milioni di telespettatori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le Iene, Burioni risponde: “Sono stato accusato di conflitto di interesse su una malattia gravissima. Ora l’avvocato Fabio Anselmo ristabilirà la verità”

next
Articolo Successivo

Naked Attraction, il reality dove si cerca l’anima gemella tutti nudi arriva in Italia: senza censure. Addio slip, reggiseni e tutto quanto

next