Siamo abituati a una Rita Dalla Chiesa che difficilmente si abbandona a ricordi ‘piccanti’ ma stavolta durante un’intervista con Pierluigi Diaco a Io e Te ha lasciato conduttore e pubblico a casa a bocca aperta. Il conduttore le stava chiedendo della sua grande paura di prendere l’aereo: “Quando lo prendevo mi imbottivo di farmaci e non mi godevo la vacanza per il terrore del viaggio di ritorno. Per questo motivo, ho sempre preferito viaggiare in macchina o in treno”, ha commentato Rita. A quel punto Diaco ha aggiunto: “È mai successo qualcosa di indicibile su un mezzo di trasporto, treno, aereo? Io direi anche risciò, ma non vorrei dire qualcosa di personale” e allora la conduttrice ha risposto spiazzando tutti: “È accaduto, ovviamente nell’ambito di una relazione… Il posto era il vagone letto di un treno. Molto romantico, sei i due in uno spazio piccolo e dal finestrino entra la luce dei posti che attraversi. Ovviamente in stazione, bisogna tirare giù la tendina”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kobe Bryant, la moglie Vanessa si fa tatuare due frasi. Una del marito e una della figlia Gigi

next
Articolo Successivo

Sono le Venti (Nove), Emanuele Filiberto ci riprova e lancia il movimento “Più Italia”. Dal 2005 a oggi, le discese in campo (fallite) del reale

next