I 5 stelle in Campania sosterranno la candidatura di Valeria Ciarambino. La consigliere regionale uscente ha vinto le Regionarie con 2.406 voti (71,9%). E’ quanto emerge dalle votazioni sulla piattaforma Rousseau concluse alle 12 di oggi. Sono state espresse complessivamente 3.347 preferenze da parte degli iscritti che hanno partecipato al voto. L’esito della votazione è stata certificata dal notaio che ne ha garantito la regolarità (i risultati saranno depositati presso due notai). Al secondo posto Marco Ferruzzi con 547 voti (16,3%); Giovanni Rea 394 voti (11,8%). “Anche in questa occasione – si legge in una nota – per tutta la durata delle votazioni è stato attivo il nostro servizio di assistenza e supporto live agli utenti sulla pagina Facebook ufficiale Associazione Rousseau”.

Proprio Ciarambino, a febbraio scorso, aveva fatto un passo indietro e lanciato la candidatura del ministro Sergio Costa proponendo un patto tra le forze di centrosinistra e il M5s. Un’ipotesi che è stata completamente abbandonata: l’intesa, che sembrava possibile, si è scontrata sul veto assoluto dei 5 stelle sulla ricandidatura di Vincenzo De Luca. Da lì la decisione di correre da soli. “Congratulazioni e buon lavoro”, ha scritto in un post il capo politico del M5s Vito Crimi. “Valeria Ciarambino è una donna preparata, tenace e coraggiosa che ha già tanto lottato per 5 anni in Consiglio Regionale con i colleghi eletti del Movimento 5 stelle. Sono certo saprà mettere a buon frutto l’esperienza maturata in questi mesi di campagna elettorale che la attendono”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Zone rosse, Bonaccini: “In Emilia la facemmo di notte, poi il governo fu informato”. Caso Alzano, militari pronti e poi la scelta di non chiudere

next
Articolo Successivo

Family act, ok al ddl della ministra Bonetti. Dai congedi ai rimborsi delle rate: cosa prevede. Assegno unico, avanti con la proposta Delrio

next