Alba Parietti è stata ospite dell’ultima puntata di Io e Te su Rai 1 e a Pierluig Diaco ha parlato con la voce rotta dall’emozione del suo rapporto speciale con Ezio Bosso, il pianista e compositore deceduto a maggio dopo una lunga battaglia contro il cancro. “Non ho mai realizzato fino in fondo perché è un periodo difficile. Per me Ezio è stata una persona molto importante…”, ha esordito la showgirl, lasciando poi che fosse il conduttore a dire tutto.

La storia è iniziata così: un anno fa Umberto Brindani mi chiama e mi dice mi piacerebbe che intervistassi Alba Parietti, si dice in giro che abbia una affettuosa amicizia con Ezio Bossi. La chiamo e le dico che parte dell’intervista avrebbe riguardato Ezio – spiega Diaco -. Ci pensa e il giorno dopo mi chiama e per la prima volta accetta di parlarne. Io non l’ho più sentita Alba da quella intervista e quando ho visto in questi giorni come alcuni miei colleghi hanno parlato di questo rapporto e lo hanno semplificato mi ha molto colpito. Io ricordo quella intervista e oggi è doveroso nei confronti di Ezio e della sua famiglia parlarne”.

Al che Pierluigi Diaco le ha chiesto come continua oggi questo legame, ora che Bosso non c’è più: “È la cosa di cui ho avuto sempre pudore, una persona speciale – ha detto la Parietti -. Chi ha conosciuto Ezio sa che i rapporti con lui erano molto complessi, averlo conosciuto è stata una delle cose più importanti della mia vita. Il rapporto tra me e lui era molto profondo, di profonda amicizia, non era facile, era angelo e diavolo come lo siamo tutti noi ed era geniale, un artista geniale. Solo questo voglio raccontare di lui. E’ stato uno dei più grossi regali che la vita mi abbia fatto. Tutto il resto sono pettegolezzi che non mi riguardano, le persone si devono vergognare”, conclude visibilmente emozionata.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fernanda Lessa scopre che il marito è un killer dei servizi segreti e lo vede uccidere un ostaggio: ma è uno scherzo de Le Iene

next
Articolo Successivo

Sono le Venti torna stasera, ecco le anticipazioni di Peter Gomez. Appuntamento alle 19.53 sul Nove

next