La notizia: dalla prima settimana di giugno è possibile scaricare in tutta Italia l’app Immuni, sviluppata per permettere il tracciamento dei contatti e dell’esposizione individuale al rischio di contagio. La polemica sull’app: infuocata, come da migliore tradizione nazionale.

Immuni sembra essere diventata una vera e propria app della discordia, riedizione 2020 del più famoso – ma meno cool – pomo. Per una introduzione alle funzionalità dell’applicazione, si può consultare il sito del ministero per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione. Gli importanti punti di privacy e utilità su cui esperti legali e di tecnologia dibattono, invece, sono stati ospitati sia su questa testata che su numerosi altre sezioni d’articoli di opinione praticamente da aprile.

Per carità, la discussione ci sta tutta, ma non è il tema di questa osservazione. Più che altro, ci si pone un paio di domande collaterali. In primo luogo, può questa funzionare nella maniera più efficiente possibile se, intorno, c’è un po’ il deserto digitale di sempre? E ancora, perché non sfruttare questa occasione per cominciare una trasformazione digitale più ampia e profonda, almeno a partire dalla sanità?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Oppo, ufficiali i nuovi smartphone di fascia media Reno 4 e Reno 4 Pro

next