Dagli Stati Uniti all’Europa, le proteste per la morte di George Floydl’afroamericano soffocato da un poliziotto di Minneapolis che gli ha premuto un ginocchio sul collo – dilagano su entrambe le sponde dell’oceano. Anche in Germania, a Berlino, dove più di 15mila manifestanti si sono radunati per testimoniare il loro impegno contro il razzismo e le violenze della polizia. Una piaga non solo statunitense: “Anche qui esiste il razzismo sistemico”, recita uno degli slogan. Una marea pacifica, composta soprattutto giovani, con le mascherine e i cartelli che strillano le frasi-simbolo della protesta, da “Black Lives Matter” a “I can’t breathe“, le ultime parole di Floyd che sono diventate il grido di battaglia di tutti i cortei, dai social alle strade. Poi il momento di silenzio per commemorare le vittime: non un solo minuto, ma 8 e 46 secondi, esattamente il tempo in cui è rimasto schiacciato a terra, implorando e piangendo. Alcuni dei manifestanti avevano bandiere arcobaleno: giugno infatti è il mese del Pride, e nella protesta si ricordano le ulteriori discriminazioni subite dagli omosessuali e i transessuali di colore. Le foto della manifestazione sono state scattate dalla fotografa Monica Silva.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, la bambina al poliziotto: “Mi sparerai?”. E lui la consola: “Sono qui per proteggerti”

next
Articolo Successivo

Libia, Conte sente al-Sisi: “Favorevoli al suo piano di pace”. Ma l’alleato al-Sarraj rifiuta la tregua e continua offensiva (col sostegno turco)

next