Microcamere nascoste sul soffitto nel centro smistamento di Poste Italiane ‘Roserio’ a Milano. Così i carabinieri hanno scoperto e indagato cinque dipendenti delle Poste a cui vengono attribuiti almeno 500 furti. Tutti, due uomini e tre donne, sono stati denunciati per appropriazione indebita. I colpi, secondo quanto ricostruito, sono iniziati verso la fine del 2019. Con l’installazione delle telecamere si è potuto individuare come i dipendenti, nel corso dello smistamento della corrispondenza, sottraevano pacchi e buste da lettera riponendole all’interno di un borsello – tipo marsupio – legato in vita sotto il giubbotto. Poi, una volta vicini ai loro armadietti, verificavano il contenuto e, se interessante, se ne appropriavano. A casa degli indagati, durante le perquisizioni disposte dall’autorità giudiziaria è stata rinvenuta “moltissima corrispondenza trafugata con ancora le buste e gli indirizzi di mittenti e destinatari”. I dipendenti sono stati denunciati per il reato di appropriazione indebita con l’aggravante di aver commesso il fatto con abuso di relazioni d’ufficio, nonché per violazione e sottrazione di corrispondenza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, velivolo biposto precipita nel Tevere: salvato l’istruttore, si cerca l’altro passeggero

next
Articolo Successivo

Fase 2, stabilimenti balneari aperti fino alle 22 e cibo consegnato al lettino: le nuove regole per le spiagge di Rimini

next