Concerti, performances, interviste, tutti rigorosamente su Facebook, Instagram o su piattaforme nate ad hoc. Eventi che ci hanno tenuto compagnia in queste strane giornate, che ora, diciamolo pure senza timore, hanno stancato tutti. I fondamentalisti del genere stanno proseguendo incalliti, ma non hanno ben compreso che la noia e gli sbadigli ormai prevalgono. Cosa salviamo davvero? Io non ho dubbi, il gran finale delle celebrazioni di Mister Fantasy condotto da Carlo Massarini su Facebook.

Mister Fantasy è stata una trasmissione televisiva andata in onda sulla Rai dal 1981 al 1984, un appuntamento fisso per tutti gli amanti della musica in tv. Un culto per gli appassionati. Carlo Massarini ha festeggiato il compleanno della sua ‘creatura’ attraverso varie dirette social, l’ultima puntata è andata live il 9 maggio. Con Mister Fantasy in persona, il fiancheggiatore Luca De Gennaro, conduttore, dj, attualmente direttore di VH1. Tanti gli ospiti, tutti artisti che all’epoca erano presenza fissa coi loro videoclip. Ivan Cattaneo, Patrizia Di Malta, Sergio Caputo, Rossana Casale e Christina Moser dei Chrisma.

I gusti musicali contano poco, video d’avanguardia uno dietro l’altro, tanti racconti di una generazione incredibile, una voglia contagiosa di sperimentare che non muore mai. “Non c’eravamo resi conto né di essere avanti, né indietro, facevamo le nostre cose”, come racconta Christina Moser. Nessuna ricetta segreta dietro a questa diretta Facebook che è un gioiello, persone interessanti con dei contenuti da condividere. Se non ci sono queste condizioni, lasciate perdere. I contenuti devono diventare un’ossessione.

Troppo facile e scontato chiedere agli artisti di eseguire qualche brano dal proprio studio di casa, molto più interessante e funzionale farli conoscere come donne e uomini ricchi di genio e creatività, così da incuriosire chi li ascolta parlare, ovvero il target di riferimento. Patrizia Di Malta ha subito ricevuto richieste di amicizia su Facebook e risposto ai tanti curiosi che non conoscevano il suo percorso post Club Tropicana. Esempio virtuoso di intrattenimento ma anche di promozione.

Gli spettacoli dal vivo saranno sempre la principale fonte di guadagno per i musicisti, ma la fondamentale attività social da affiancare deve risultare efficace. La musica o lo spettacolo sul palco, su Facebook meglio il racconto, gli aneddoti.

Altra riflessione, ma voi come influencer in un’era post Covid-19, non dareste più spazio alla divina Christina Moser piuttosto che alla solita Chiara Ferragni? Ridiamo spazio alla fantasia, Carlo Massarini, 39 anni dopo è lì, sui social, ad insegnarci che il futuro è sempre dei visionari, dei veri creativi. Mister Fantasy, musica e spettacolo da vedere, in tv nel 1981 o su Facebook nel 2020.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Israel Kamakawiwo’ole, il gigante che con la sua ‘Somewhere over the rainbow’ cantò le Hawaii

next
Articolo Successivo

I discografici contro il governo: “Noi dimenticati dal Decreto Rilancio, così moriamo”. Giovannini: “Franceschini ci incontri”

next