Blogmeter, istituto di ricerca social certificato ASSIRM (Associazione Italiana Ricerche di Mercato), ha presentato la quarta edizione della sua ricerca “Italiani e Social Media”, un’indagine che, attraverso interviste a un campione di 1703 residenti in Italia con età compresa tra 12 e 74 anni, rappresentativo (per sesso, età e area geografica) degli iscritti ad almeno un canale social, tenta di proporre una fotografia il più vicina possibile alla realtà social del nostro Paese.

Ciò che emerge è che ormai i social network influenzano la vita di moltissimi utenti. L’indagine citata ha infatti rivelato che il 38% degli italiani si ispira a ciò che ha visto sui social, mentre il 29% si affida ai prodotti presentati dagli influencer. Le principali attività degli utenti italiani sono le seguenti:

  • Guardare e condividere contenuti altrui (il 48% degli utenti over 17 anni; il 33% tra 12 e 17 anni);
  • Pubblicare contenuti inediti (il 12% degli utenti over 17; il 15% tra 12 e 17 anni).

Per quanto riguarda i social più gettonati, in Italia al primo posto si conferma Facebook col 90% degli utenti, grazie alle continue novità come Messenger Rooms, seguito da YouTube all’89%. Al terzo posto troviamo in continua crescita Instagram, che ha già il 73% ed è amato particolarmente dai giovani. L’app di instant messaging più utilizzata invece è WhatsApp, che ha recentemente superato i 2 miliardi di utenti nel mondo e in Italia è usata dal 97% degli intervistati. A questa seguono poi Messenger (80%), Microsoft Skype (58%), che continua a calare, e quarto, invece, Telegram (46%), in forte crescita.

TikTok, il social cinese particolarmente amato da adolescenti e giovanissimi, ha invece una quota del 16%, con una crescita del 3% rispetto all’anno precedente, mentre in fondo alla classifica c’è da registrare una new entry: Twitch, la piattaforma social di Amazon dedicata al live streaming, soprattutto di videogiochi, che si attesta al 12%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Oppo A92, ufficiale il nuovo smartphone di fascia media con 8 GB di RAM e batteria da 5000 mAh

next
Articolo Successivo

Nessun complotto spaziale: almeno una cosa buona il Coronavirus l’ha fatta

next