Con un weekend di anticipo rispetto al calendario, l’Emilia-Romagna fissa a sabato 23 maggio l’avvio ufficiale della stagione balneare in riviera. La raccomandazione, ripetuta anche dalla Regione, è di evitare che i bagnanti si concentrino solo in alcune porzioni di spiaggia, per facilitare e garantire sicurezza e distanziamento tra le persone. Nelle spiagge libere i Comuni possono prevedere un limite di accessi. I gestori degli stabilimenti sono al lavoro da giorni per adeguarsi alle linee guida: distanze aumentate tra gli ombrelloni, steward per assegnare le postazioni e pulizie intensificate.

I protocolli prevedono una superficie minima a ombrellone di 12 metri quadrati: quindi circa 4 metri tra paletti degli ombrelloni e 3 tra le file. Ogni postazione sarà numerata e assegnata, meglio se prenotando in anticipo. Gli ospiti troveranno in spiaggia steward appositamente formati che li accompagneranno all’ombrellone o al lettino. Sulla battigia, tra le attrezzature di spiaggia – come lettini e sdraio – dovrà esserci almeno un metro e mezzo di distanza.

Per quanto riguarda pranzi e spuntini, dovranno essere ordinati e consegnati, per essere consumati direttamente sotto l’ombrellone. In alternativa si potrà mangiare nelle aree ristorazione, se sono state attrezzate per garantire il distanziamento interpersonale. Le aree giochi per i bambini saranno delimitate e con un numero massimo di presenze consentite. I servizi igienici, le docce e le cabine dovranno essere pulite e disinfettate ogni giorno e a ogni cambio di clientela.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fase 2, Boccia: “Movida inammissibile: rischia di diventare un focolaio”. Circolare di Gabrielli ai questori: “Massimo impegno nei controlli”

next
Articolo Successivo

Covid, la Cina non è l’unica ‘pistola fumante’: le responsabilità andrebbero divise almeno per tre

next