“La nostra arte rischia di scomparire”. E’ l’appello degli artigiani del presepe napoletano di San Gregorio Armeno dche oggi, nella giornata di riapertura, hanno deciso di tenere le botteghe chiuse. “Noi viviamo sui grandi numeri – spiegano – questa strada per molto tempo resterà così, deserta. La nostra arte rischia di scomparire, chiediamo un aiuto da parte delle istituzioni, affinché ci supportino in questa fase difficile soprattutto per noi artigiani”

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nuovo modello di autocertificazione dal 18 maggio per spostamenti tra regioni. Viminale: “Possibile usare anche il vecchio”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, i dati – Meno di cento morti in 24 ore: è il numero più basso da marzo. Calano ancora i positivi: – 1.798 rispetto a ieri

next