Un anno fa il ritorno al quotidiano romano come collaboratore: oggi Gad Lerner lascia (di nuovo) Repubblica. “Mi ero imposto di aspettare, di non fare scelte affrettate, benché suonasse forte e chiaro il messaggio contenuto nel licenziamento senza preavviso di Carlo Verdelli – scrive sul suo profilo Facebook, annunciando la sua decisione e spiegando le sue motivazioni – A parte quel gesto, la nuova proprietà ha ritenuto di esporre solo per vaghi accenni il progetto industriale e giornalistico intrapreso. Ma nel frattempo, in poche settimane, Repubblica è già cambiata. Non la riconosco più”.

Il giornalista aveva collaborato per dieci anni, dal 2005 al 2015, con il quotidiano fondato da Eugenio Scalfari rapporto poi interrotto per questioni salariale. Il 10 aprile 2019, il ritorno e infine, un anno e un mese dopo, la nuova rottura, stavolta per via del nuovo indirizzo editoriale. “Pur ringraziando il nuovo direttore che mi aveva chiesto di proseguire la collaborazione – spiega Lerner -, preferisco interromperla qui. Saluto con affetto e riconoscenza tutti i colleghi, a cominciare dal fondatore Eugenio Scalfari”.

Mi ero imposto di aspettare, di non fare scelte affrettate, benché suonasse forte e chiaro il messaggio contenuto nel…

Gepostet von Gad Lerner am Sonntag, 17. Mai 2020

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Gazzetta del Mezzogiorno, la Procura di Bari chiede il fallimento della società Edisud dopo il disimpegno dell’editore Ciancio Sanfilippo

next
Articolo Successivo

‘Giù le mani dalla Lombardia’: su Libero la difesa della sanità regionale è a firma di Formigoni, condannato per tangenti nella sanità regionale

next