I rischi dei social network sono ormai noti, ne sa qualcosa anche Nina Moric che è scesa in campo per difendere il figlio Carlos Maria, nato dalla relazione con l’ex re dei paparazzi Fabrizio Corona. Il ragazzo, ora diciassettenne, ha deciso di interagire con i followers della madre direttamente dal suo account Instagram ma qualcosa è andato storto e la showgirl croata è intervenuta per fermare e cancellare la diretta. Tanti complimenti al baby Corona ma anche commenti ritentuti inopportuni, tra richieste specifiche su psicologi o autismo, i leoni da tastiera si sono letteralmente scatenati.

La diretta è stata dunque sospesa: “Ma cosa ti dicono ma basta così“, la Moric ha interrotto il figlio e nelle stories successive si è scagliata contro gli haters: “Carlos ha voluta fare una diretta sul mio profilo Instagram. Spesso e volentieri chi mi segue sa che lui ha un pensiero molto profondo soprattutto quando si parla di matematica e filosofia, l’esistenza e tutto il resto e voleva solo approfondire questo discorso. Però sono intervenute delle persone, fake per la maggior parte, senza un minimo di onorabilità verso il prossimo, soprattutto verso un ragazzino di 17 anni che vi ha pure risposto con massima calma ed educazione.”

Nina ha continuato il suo sfogo: “Se fossi in voi mi vergognerei, siete stati messi ko da un ragazzino di 17 anni. Per il resto voglio ringraziare le persone per bene che hanno partecipato. Comunque la diretta è stata cancellata e non si farà mai più“. Già quando Fabrizio Corona aveva permesso al figlio di aprire un profilo Instagram, la showgirl si era detta contraria proprio per uno spirito di protezione nei suoi confronti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rocco Siffredi e il debutto del figlio Lorenzo con il suo primo film porno (con sole donne): “Sono stato il suo occhio. Gli ho detto ‘però te lo monti tu, perché a me un film lesbian m’annoia’”

next
Articolo Successivo

Superluna, il 7 maggio la Luna sarà “più grande del 6% rispetto al normale”: è l’ultima del 2020

next