L’aeroporto di Fiumicino è il primo scalo in Europa ad avere attivato una nuova misura di sorveglianza sanitaria: lo “Smart Helmet”, termoscanner portatile, a forma di elmetto, dotato di schermo piatto che, grazie ad una realtà virtuale incorporata e immagini in alta risoluzione, consente all’operatore che lo indossa di misurare, fino ad una distanza di 7 metri, la temperatura corporea delle persone in transito nelle aerostazioni. Nel caso in cui il dispositivo rilevasse sintomi febbrili superiori ai 37-37 e mezzo, è previsto l’invito a sottoporsi un controllo medico. “Tutto il sistema, dalle autorità ai gestori aeroportuali per continuare poi con le compagnie aeree – ha detto Ivan Bassato, direttore Operazioni di Aeroporti di Roma – sta lavorando per una ripartenza il più veloce possibile, garantendo la massima sicurezza sanitaria”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, 156 sbarchi nella notte a Lampedusa: 422 da domenica. Sindaco: “Non so più dove metterli”. Alan Kurdi in fermo amministrativo

next
Articolo Successivo

Trentino, orso “acrobata” a Calliano: l’incontro con gli abitanti mentre si arrampica su un balcone. Sindaco: “Visto a meno di un metro…”

next