New York Times, Washington Post e anche piccoli giornali di provincia come il Palestine Gazette di Palestine, Texas. Sono queste le principali testate vincitrici dei Pulitzer 2020, che per la prima volta nella storia, a causa del coronavirus, sono state assegnate su Youtube. A vincere inchieste su corruzione aziendale, interferenze elettorali della Russia di Vladimir Putin, violenza sessuale e l’eredità della schiavitù, mentre per la narrativa il premio è andato a Colson Whitehead per il romanzo Nickel Boys nella categoria “fiction”.

Ad annunciare i prestigiosi riconoscimenti è stata, dal salotto di casa, l’amministratrice dei premi Dana Canedy: “In tempi difficili come i nostri è più importante che mai far capire che il giornalismo non si è mai fermato nonostante coordinati sforzi di sabotare il loro lavoro”. I premi sono una tradizione dal 1917, l’anno prima dello scoppio della pandemia spagnola, come ha fatto notare la Canedy. Dovevano essere annunciati quest’anno il 20 aprile, ma il coronavirus ha costretto al rinvio.

Le inchieste premiate – Il New York Times ha vinto nella sezione affari internazionali con servizi sulle interferenze in politica estera della Russia di Putin culminati nelle elezioni americane del 2016. Il Washington Post ha conquistato la medaglia per aver puntato i riflettori sugli effetti del cambiamento climatico. E sempre al Times è andato un premio nella sezione considerata più prestigiosa, quella del giornalismo investigativo, per la maxi-inchiesta sulle irregolarità nell’industria dei taxi di New York. Nella categoria “interni” il Pulitzer è andato al Seattle Times per aver smascherato le scorciatoie adottate dalla Boeing nella produzione del B-737 Max, il jet protagonista di due catastrofiche tragedie del volo nel 2019. La Reuters ha vinto per la fotografia con le immagini delle manifestazioni di Hong Kong, il New Yorker per la satira politica con la copertina che raffigura l’Attorney General William Barr e il capo del Senato Mitch McConnell che lustrano le scarpe a Donald Trump. Premi anche per le arti: il Pulitzer per la Musica è andato a Anthony Davis per “Central Park Five” mentre Colson Whitehead è stato premiato per il romanzo Nickel Boys nella categoria “fiction”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carlo De Benedetti fonda Domani, nuovo giornale concorrente di Repubblica. Alla sua scomparsa andrà a una fondazione

next
Articolo Successivo

L’ottimo Michele Serra e le ambiguità di Repubblica (che guarda a destra)

next