Nuovo sviluppo sulle inchieste che riguardano la Only Italia Logistic della ex presidente della Camera Irene Pivetti, indagate dalle procure di Siracusa, Roma e Savona. Nella giornata di oggi la Guardia di Finanza della città ligure ha sequestrato in Lombardia altre 250mila mascherine riconducibili alla società della ex parlamentare. I dispositivi di protezione individuali sequestrati erano nei magazzini di alcuni ospedali lombardi. La procura di Savona indaga sulla ex presidente della Camera e sulla società di cui è amministratrice unica per ricettazione, frode nell’esercizio del commercio, vendita di cose con impronte contraffatte e violazioni alla legge doganale.

Nel frattempo, nei giorni scorsi la Regione Toscana ha avviato un contenzioso amministrativo nei confronti dell’azienda Only Italia srl per un acquisto di mascherine per un valore di oltre mezzo milione di euro, non ancor pagate. In particolare Estar, l’ente strumentale per gli acquisti in sanità della Regione Toscana, per conto della stessa Regione ha avuto un contratto con la Only Italia srl per 150mila mascherine tipo Ffp2 senza valvola del valore di 3,65 euro cadauna, importo complessivo 547.500 euro. Ma Estar, ricevuti i dispositivi, dopo averle controllati non li ha messi a disposizione della cittadinanza toscana ritenendo, si spiega, che non rispondessero ai criteri richiesti. In particolare le mascherine arrivate sarebbero state contestate perché prive di certificazione (necessaria per la Ffp2 anche se senza valvola). I dispositivi sono ora fermi in magazzino, non sono stati pagati e la Regione ha aperto un contenzioso amministrativo.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Autostrade condannata a risarcire 11 residenti di Ripoli con 1 milione e mezzo: “Lavori per la variante di valico riattivarono la frana”

next
Articolo Successivo

Di Matteo: “Bonafede cambiò idea sulla mia nomina al Dap per il dissenso di qualcuno”. Anm: “Magistrati usino equilibrio e misura”

next