Il 2020 sarà ricordato nella storia della moda come l’anno nerissimo: negozi chiusi praticamente in tutto il mondo, aziende ferme e sfilate cancellate. Certo, prima o poi si ripartirà, ma sicuramente niente sarà più come prima: la pandemia potrebbe essere l’occasione di ripensare non solo in cui le aziende producono, ma anche quello in cui i consumatori comprano. Una piccola rivoluzione si vede già adesso: chiusi a casa e costretti allo shopping online, i consumatori si orientano in massa sui brand di abbigliamento sportivo (come Nike, mai così in alto nelle classifiche). Insomma, è la rivincita di tute, sneakers e felpe. E di un accessorio che mai ci saremmo aspettati diventasse l’oggetto del desiderio: la mascherina (seppur griffata). Questa è la fotografia del primo trimestre scatta dal Lyst Index – il report che setaccia il web per capire quali siano i prodotti e i marchi di moda più desiderati nel mondo.

La classifica contiene molte sorprese, ma si apre con una conferma: in vetta tra i marchi più cercati, per il 3° trimestre consecutivo, c’è ancora Off-White. Merito anche del ‘lusso accessibile’ dei suoi capi sportivi e del lancio di una mascherina. Al secondo posto sale Balenciaga, ma il caso più clamoroso è il boom di Nike, schizzato al terzo posto: lo shopping online si è orientato in massa su felpe, t-shirt e calzoncini, e il brand di articoli sportivi ha guadagnato ben nove posizioni in poche settimane, scalzando perfino Gucci, presenza fissa sul podio. Nella top ten dei brand più desiderati, 7 aziende su 10 sono italiane: oltre alle già citate Off-White e Gucci, scendendo troviamo Prada, Moncler, Fendi, Valentino e Versace: un monopolio interrotto solo da Saint Laurent, al nono posto.

Il Lyst Index del 1° trimestre riflette un periodo di grandi cambiamenti, ma sarà nel prossimo trimestre (aprile-giugno) che si avrà più chiaro dell’impatto globale del Covid-19. Lo sconvolgimento ha interessato prima il mercato asiatico – sempre più affamato di lusso – e poi quelli occidentali: alla fine della tempesta, bisognerà capire cosa sia rimasto in piedi. Con un dramma del genere sullo sfondo, nessun acquisto era più necessario – niente occasioni speciali, niente vacanze e niente tailleur nuovi per l’ufficio. Per non parlare poi di borse o gioielli.

Classifica maschile – Le mascherine, l’oggetto più cercato in questa pandemia, dominano perfino le classifiche di moda: quella nera di Off-White è l’oggetto più cercato dagli amanti dello shopping online. Entra nella top ten maschile anche un articolo insolito: un accappatoio. Comodo e griffatissimo: il modello in questione è “I love baroque” di Versace. Anche nella top ten maschile tante felpe (come quella di Thom Browne o la Gucci a tema Disney) e sneakers (Asics, Nike e Converse).

Classifica donna – Nella classifica dei 10 accessori da donna più cercati, si punta su pezzi di lusso intramontabili: chiude la classifica un pezzo eterno, la borsa Double Flap di Chanel. In tempi di crisi c’è bisogno di certezze: salendo, ecco l’ultraclassica camicia bianca di Ganni. Sul podio la borsa shopper di Telfar, il body in pizzo Off-white e la borsa meralassé di Bottega Veneta, prima nella classifica delle ricerche. Ma anche qui, è il trionfo dello sportswear. Felpe (Anine Bing, a metà classifica) sneakers (New Balance e Adidas) e i pantaloni della tuta logo Nike: rigorosamente rosa fragola. Avreste mai scommesso che fossero il capo più alla moda del momento?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, per l’estate arriva il bikini con la mascherina coordinata: “Con l’obbligo della mascherina, al mare si potrà andare così”

next
Articolo Successivo

Come prepare la pelle al primo sole, dopo i lunghi giorni chiusi in casa per il lockdown

next