Esaurita la fiducia nella forza delle leggi e nelle azioni pubbliche, il sindaco di Barrafranca professor Fabio Arnaldo Ettore Ricciardi (si firma con i tre nomi di battesimo ndr), comune siciliano angosciato per via del misterioso e letale virus, affida i suoi concittadini direttamente al Crocifisso.

A Cristo in croce, come da nota comunale del venerdì santo, il pubblico ufficiale chiede una particolare tutela. E dunque bambini e donne, anziani e giovani, imprese e famiglie, a cui il sindaco non riesce a garantire la liberazione dal Covid ed evidentemente non ritiene che la scienza e lo Stato siano capaci di risposte concrete, vengono affidati a Lui.

È questo – a ben vedere – il primo atto animista e spiritualista di un politico che, è bene dirlo, sembra recepire la suggestione ultra terrena del leader della Lega. Come ricorderete Matteo Salvini affida (ma senza decreto) alla Madonna le sorti sue proprie e del Paese.

Questo sindaco siciliano chiede al figlio di Maria di risolvere gli affari che per quanto correnti sono davvero straordinari.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il duello dei governatori. Più fandonie per tutti!

next
Articolo Successivo

Il mio smartphone sa tutto di me. Perché ci scandalizziamo per l’app Immuni?

next