Salvatore Mancuso si è spento a Milano nella notte tra venerdì e sabato. Il finanziere siciliano padre del fondo Equinox è stato stroncato da un male incurabile che gli era stato diagnosticato soltanto pochi mesi fa. A dare l’annuncio sulla propria pagina Facebook, il fratello Bruno, sindaco del comune messinese di Sant’Agata Militello. “Ciao fratellone, un destino infame ti ha strappato alla vita. Hai dato luce e gioia alla mia vita. Sei stato il mio faro, la mia guida. Sei stato immenso”, scrive.

Mancuso era nato a Sant’Agata di Militello nel novembre del 1949. Finanziere di fama internazionale, muove i primi passi con una gavetta in Sicilcassa per poi approdare nel mondo delle imprese. Appassionato di nautica e di mare, arriva al timone dei cantieri navali Rodriquez di cui è amministratore delegato fino alla fine degli anni ’80 e che sotto la sua guida sbarcano in Borsa, e poi riveste l’incarico di amministratore delegato alla Cameli di Genova. Nel 1994, con il primo Governo Berlusconi, viene nominato ad di Iritecna, la controllata del colosso di Stato per il settore dell’impiantistica. E poi il ritorno in banca: prima nel cda di Capitalia, assieme a Cesare Geronzi e poi alla presidente del Banco di Sicilia dove gestisce la transizione in Unicredit.

Ma la creatura di Mancuso è il fondo di investimento di diritto lussemburghese Equinox, dove riesce a costruire una grande salotto della finanza. Il fondo nasce nel 2002 e si focalizza sui settori dell’industria e ambiente, leisure e retail, trasporti e supply chain, sanità. Equinox entra in aziende come Alitalia, dove Mancuso riveste l’incarico di vicepresidente nell’era Cai, le scarpe inglesi Church’s, il gruppo Citterio. Mancuso è stato anche consigliere di amministrazione dell’Enel.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Algebris, il gruppo del finanziere Davide Serra liquida il fondo Quant Arbitrage: performance affossate dal coronavirus

next
Articolo Successivo

Paradisi fiscali in Ue: ecco quanti soldi ci sottraggono Olanda, Irlanda e Lussemburgo offrendo alle multinazionali una tassazione di favore

next