Di fronte alle sfide senza precedenti per l’economia globale causate dal coronavirus, i ministri finanziari e governatori delle banche centrali del G7 sono pronti anche a valutare una moratoria sul debito dei Paesi più poveri. Il G7 finanziario sosterrà un alleggerimento del debito se lo farà tutto il G20 e sarà approvato al Club di Parigi. È quanto si legge in una nota diffusa al termine della riunione virtuale: “I ministri e i governatori sostengono sforzi multilaterali per assistere questi paesi e sono pronti a una sospensione temporanea dei pagamenti degli interessi sul debito”, afferma il G7 che sostiene anche il nuovo programma del Fmi per affrontare in tempi rapidi la mancanza di dollari sui mercati emergenti.

“Ministri e banchieri centrali favorevoli alla moratoria sul debito dei Paesi più poveri”, scrive su Twitter il commissario Ue all’economia Paolo Gentiloni dopo aver partecipato alla videoconferenza del G7. La proposta era stata avanzata anche da Papa Francesco nel suo messaggio Urbi et Orbi per la Pasqua: “In considerazione delle circostanze – ha chiesto Bergoglio – si mettano in condizione tutti gli Stati di fare fronte alle maggiori necessità del momento, riducendo, se non addirittura condonando, il debito che grava sui bilanci di quelli più poveri”.

I paesi più vulnerabili e più poveri, si legge nelle conclusioni del G7, “dovranno affrontare gravi problemi sanitari ed economici” a causa delle ripercussioni legate all’emergenza coronavirus. Pertanto una moratoria sul debito “permetterebbe un migliore accesso alla liquidità” nei paesi. “Per migliorare l’efficacia di questa iniziativa, i paesi beneficiari e creditori dovrebbero collaborare con la Banca mondiale e l’Fmi per migliorare la trasparenza del debito e attuare un monitoraggio e una comunicazione adeguati sull’uso delle risorse così liberate”, scrivono i leader.

Un appello che il G7 sembra pronto ad accogliere, almeno in parte, nell’ambito di un programma condiviso. Nelle conclusione della riunione virtuale si sottolinea che i ministri delle Finanze e i governatori “restano impegnati nell’utilizzare tutti gli strumenti di policy disponibili per ottenere una crescita forte, sostenibile, equilibrata e inclusiva“. La riunione è stata organizzata dai leader internazionali per “riaffermare il nostro stretto coordinamento per combattere la pandemia e mitigarne gli impatti, anche adottando misure di stabilità sanitaria, economica e finanziaria ad ampio raggio nei nostri rispettivi paesi”. Il coronavirus “sta generando sfide senza precedenti per l’economia globale”, ribadiscono i leader del G7 finanziario.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Fmi: “Pil mondiale giù del 3% nel 2020, peggiore recessione dal 1930”. In Italia il calo sarà del 9%: “L’Ue aiuti i Paesi più colpiti”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, i civilisti: “Più della metà degli avvocati ha chiesto il bonus di 600 euro”. Pure 353 notai attendono il reddito di ultima istanza

next