Dopo aver affrontato e superato il coronavirus, Tom Hanks è tornato in tv per una puntata del popolare show tv della Nbc Saturday Night Live, con tutti gli ospiti in collegamento da casa. L’attore ha scherzato dicendo di dover “ringraziare” il coronavirus per essere stato scelto per questa speciale puntata: “Da quando mi hanno diagnosticato il Covid-19 – ha detto – sono diventato più che mai il papà d’America. Di solito nessuno mi vuole vedere a lungo, non metto la gente a suo agio”.

Poi Hanks ha proseguito omaggiando i medici australiani che lo hanno assistito: “Qui sono stati tutti fantastici, ma hanno il vizio di usare i gradi Celsius invece dei Fahrenheit, quando ti misurano la temperatura. Così, quando mi hanno detto che avevo 36, mi sembrò una cosa molto negativa, ma alla fine mi hanno spiegato che era, al contrario, un ottimo segnale”, ha scherzato.

Insomma, a oltre un mese da quell’11 marzo in cui gli diagnosticarono assieme alla moglie il coronavirus, Tom Hanks è completamente guarito ma in molti sui social hanno stentato a riconoscerlo: completamente pelato, con il viso gonfio e gli occhiali. “È irriconoscibile”, scrivono in molti su Twitter commentando la puntata. E ancora: “Non sembra lui”, “è invecchiato di botto”.

Salutando il pubblico, l’attore ha ammesso di essersi dovuto dare una riordinata per la trasmissione: “Questa è la prima volta che metto qualcosa di diverso da una tuta di ginnastica dallo scorso 11 marzo”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Prete fa “un augurio frenetico” ai fedeli e poi si mette a correre e cantare per la chiesa deserta: il video diventa virale sui social

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il progetto che raccoglie le storie dei professionisti del design: “Così possiamo dare una mano in questo momento di crisi”

next