I dati Istat per il mese di febbraio evidenziano un incremento dell’1% della vendita al dettaglio di libri e cartoleria, ma l’editoria non sta bene e l’Aie-Associazione Italia Editori continua a lanciare gridi d’allarme sulla drammatica situazione del settore.

In questi giorni Diego Guida, presidente del Gruppo Piccoli Editori e vicepresidente di Aie, ha chiesto di Governo di varare misure adeguate per permettere al settore di sopravvivere in questa drammatica fase, evidenziando proprio le grandi difficoltà dei piccoli editori che rischiano di soccombere prima degli altri. A questo io aggiungo le librerie, anello debole della filiera che, anche se potranno riaprire dopo il 15 aprile, sono state messe a dura prova dalla chiusura.

Però gli editori non si danno per vinti e continuano a lottare, mettendo in campo nuove iniziative per dare un po’ di respiro al settore e per aiutare gli ospedali in prima linea per combattere il virus. Anche se il mio blog è nato per parlare di editoria digitale, io ho sempre sostenuto che “unlibroèunlibro” e non ho mai sollecitato guerre al cartaceo, per questo sono felice che nascano tanti progetti a sostegno della filiera editoriale.

Oltre a Solidarietà Digitale, di cui ho già scritto nel blog, recentemente sono nati “Libri da asporto”, il progetto “Andrà tutto bene” e la nuova collana Clouds di Longanesi.

Libri da asporto, nato con il supporto di 124 editori e che già avuto l’adesione di 674 librerie indipendenti, si propone di aiutare i librai a coprire le spese di trasporto, affinché possano fare consegne a domicilio senza farsi carico di alcun costo aggiuntivo di spedizione.

“Andrà tutto bene. Gli scrittori al tempo della quarantena” nasce dall’iniziativa di GeMS che ha invitato alcuni scrittori delle sue case editrici a raccontare il difficile periodo che stiamo vivendo. Ne è nato un e-book con 25 racconti di 25 scrittori, pubblicato da Garzanti, i cui proventi verranno interamente devoluti all’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

La nuova collana di e-book Clouds di Longanesi è stata studiata per offrire ai lettori strumenti autorevoli per affrontare i nuovi bisogni sorti dall’emergenza generata dalla pandemia coronavirus. Dal 10 aprile è disponibile su tutti gli store il primo e-book “Conosci il tuo nemico. Cos’è, da dove viene e cosa ci insegna il coronavirus” di Valerio Rossi Albertini. Il fisico e divulgatore aiuta i lettori a fare chiarezza su ciò che sappiamo e ciò che ancora non è noto del nostro nuovo nemico. Il costo? Solo 3,99 euro e i proventi dalla vendita dell’e-book saranno devoluti in beneficenza al Policlinico di Modena.

Nelle prossime settimane allo stesso prezzo sono in arrivo “Bambini a casa e felici: le attività Montessori” della pedagogista Annalisa Perino, un manuale di attività e consigli utili per gestire al meglio il tempo in casa con i più piccoli e “Parole contro la paura” della sociolinguista Vera Gheno, un’esplorazione delle parole vecchie e nuove e della terminologia che ha invaso i nostri vocabolari nei giorni della lotta al Covid-19.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Il Fatto Personale

di Antonio Padellaro 12€ Acquista
Articolo Precedente

La Pinacoteca di Brera in “Haltadefinizione”: i capolavori di Mantegna e Caravaggio si vedono meglio che a occhio nudo (comodamente da casa)

next
Articolo Successivo

Io resto a casa. Fanculo.

next