Il certificato di malattia non basta, l’Inail vuole anche quello d’infortunio. È la richiesta contenuta in una lettera dell’Istituto rivolta a medici e infermieri che hanno contratto il coronavirus. Il problema è che il certificato d’infortunio rilasciato dal medico certificatore richiede tra la varie informazioni anche l’orario, la causa e la sede anatomica della lesione dell’incidente, quindi in questo caso del contagio. La segnalazione arriva dai presidenti dei comitati consultivi provinciali Inail della Sicilia che ora chiedono di modificare la circolare: “È del tutto evidente che qualunque lavoratore contagiato non è in grado di rispondere a tali domande né alcun medico certificatore può attestare tali risposte. I lavoratori non possono stabilire a che ora siano stati contagiati”.

La richiesta dei presidenti (Siracusa, Paola Di Gregorio Siracusa, Messina, Carmelo Garufi, Caltanisetta, Katia Maniglia, Palermo, Michelangelo Ingrassia, e Catania, Roberto Prestigiacomo) è appunto che l’Inail modifichi la circolare 13 del 3 aprile 2020 eliminando per i casi di contagio la formalità di presentare il certificato d’infortunio essendo sufficiente quello di malattia Inps, in questa circostanza straordinaria. “Le denunce d’infortunio per contagio da coronavirus, inoltrate all’Inail, corrono il rischio di non essere riconosciute per alcuni formalismi che, se sono necessari in una situazione ordinaria, risultano decisamente eccessivi e incoerenti con l’emergenza pandemica in corso”, scrivono nella loro segnalazione.

Secondo i presidenti dei comitati consultivi provinciali siciliani è anche necessario “estendere a tutte le categorie di lavoratori assistite dall’Inail, compresi casalinghi e casalinghe, la presunzione semplice di origine professionale del contagio da coronavirus”. “Riteniamo necessario ricordare – aggiungono – che la ‘I’ di Inail sta per Istituto e non per impresa, e che l’Istituto ha un dovere sociale da assolvere di natura costituzionale e non meramente burocratico”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Guerra (Oms): “Apertura? Andrà fatta per fasi ma solo se ci sono le condizioni minime”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la Fiom contro Confindustria: “Da loro pressioni cieche per riaprire le aziende. Mettono il profitto davanti alla salute”

next