Se cerchi di evitare le metafore belliche (guerra, assedio, prima linea, trincea, fronte) in questo periodo fai fatica a descrivere l’attività di un medico di famiglia in un paesino come Ziano Piacentino, con 1300 persone assistite, se includiamo anche Borgonovo Valtidone (su un totale di 8.000 abitanti). Diciamo che il dottor Della Croce, 65 anni (fondatore dell’associazione Piccoli al centro, che sostiene l’asilo in paese e uno a Dagrà, in Eritrea) si “sbatte” come stanno facendo tanti medici di famiglia: “In provincia di Piacenza siamo in 200, una task force che avrebbe dovuto essere utilizzata di più e meglio, le Usca, non sempre riescono ad arrivare in tempo, forse avremmo potuto evitare molti accessi ai pronto soccorso, ricoveri e rianimazioni”.

Secondo “il dottore”, anzi ‘l dutur, come lo chiamano qui, la situazione da queste parti sta migliorando “anche sentendo i colleghi, sembra proprio così”, nei suoi giorni di lavoro è passato da 6 casi sintomatici a 1, con due morti purtroppo. Secondo le sue stime i contagi però sono stati da 5 a 10 volte quelli ufficialmente dichiarati, e mi mostra il suo plico dei casi sospetti. Come moltissimi operatori in tutto questo tempo non è ancora stato tamponato, avrebbe avuto bisogno di migliori dispositivi e farmaci, ma tira dritto. Gli chiedo come stanno le persone sul piano della resistenza: “Stanno reagendo molto bene anche se chi è stato toccato in famiglia o negli affetti, ha subito colpi durissimi. Pensiamo anche solo al fatto di non poter dare l’ultimo saluto ai propri cari o agli anziani nelle case di cura che non vedono più amici e parenti. Per gli anziani in casa, poi non si riesce nemmeno a dare un aiuto sul piano psicologico, non riesco ad andare da tutti a domicilio”.

Gli domando se ha paura: “Finora è andata bene, sono sempre stato un po’ incosciente, certo che la vita è cambiata veramente tanto, ma non solo la mia”. Seguono le regole? “Sì e no, fortunatamente hanno chiuso il campetto da calcio, ma al parco giochi ci sono ancora persone con bambini che non si rendono conto dei rischi”.

Flavio Della Croce è credente e gli chiedo se non individua un segno divino in quello che sta accadendo: “Possiamo parlare di divino o di natura, non mi riferisco al castigo di Dio, ci troviamo di fronte a dei segnali che possiamo avvertire anche solo a livello speculativo, sono forse avvertimenti che ci sottolineano gli errori che abbiamo fatto nella mancanza di rispetto per l’ambiente e nei nostri stili di vita“. Si conclude qui il piccolo diario di un medico di campagna, in sala d’attesa c’è qualcuno.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le Messe sono un nutrimento. I parroci possono far rispettare le regole come al supermercato

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la diretta – Altri 10 medici morti: sono 89 medici dall’inizio della pandemia. Agenzia del farmaco, positivo il direttore generale. Viminale: “20mila denunce nel week end”. Attivato anche satellite Ue per monitorare il territorio

next