Dieci giorni fa nei vecchi edifici della Fiera di Milano non c’era nulla, adesso c’è la più grande terapia intensiva del Paese, inaugurata oggi. Verranno aperti subito i primi 8 reparti, con 53 letti. In una seconda fase sarà inaugurato il padiglione sottostante, con 104 letti; poi il padiglione 2, con altri 48. In totale, ci saranno 200 posti letto. Per la realizzazione dell’ospedale sono stati raccolti 21 milioni di euro, grazie a circa 1.200 donatori grandi e anche piccoli, come tanti di noi.

Una grande prova, certo. Dopo però dovremo ragionare anche su quello che non ha funzionato nella regione più ricca d’Italia, con la sanità più privatizzata (cioè, “ceduta” se non “regalata”, ai privati) d’Italia, dove ci sono stati più morti per Covid-19 che in tutto il resto d’Italia messo assieme. Non solo: è la regione in cui le varie inchieste per mazzette “sanitarie” non hanno risparmiato nessuna giunta regionale negli ultimi decenni, dove l’ex presidente della Regione Roberto Formigoni è stato condannato in via definitiva (ed è finito in carcere) per aver contribuito a sperperare almeno 70 milioni di soldi pubblici destinati alla sanità. E via elencando.

Non faccio i nomi dei partiti al potere in Lombardia, perché non è questo il momento; già l’eccesso di sfrontata propaganda politica – esibita in tv e sui social – rende tutto ancora più surreale. Questo è il momento della solidarietà e della concretezza. Però – ripeto – ragioniamo, molto e bene, sullo stato e sul destino toccato alla sanità lombarda, tanto eccellente quanto derubata. Dopo, certo; però non troppo dopo.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, il taglio del cuneo fiscale è legge: ok Camera, nessun voto contrario. Pd-M5s: “Da luglio tasse abbassate a 16 milioni di lavoratori”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Renzi insiste nonostante le indicazioni degli scienziati: “Tutti fuori casa dal 14 aprile, gli anziani due settimane dopo”

next